La domiciliarità possibile si fa video




Torino | Laura Sacco | 28 novembre 2011 alle 10:41

 

logoLa casa non è solo il luogo fisico in cui ci si ritira, in cui ci si ripara, che ci accoglie.
È l’insieme degli affetti, dei ricordi, delle esperienze, delle gioie e delle sofferenze; è il luogo che, più di ogni altro, ci rappresenta, rispecchia la nostra essenza, fa parte di noi.
E per difendere  il diritto di ciascuno, soprattutto se anziano, malato, disabile, a rimanere a casa propria è nata nel 1994 l’Associazione La Bottega del possibile. Molti i progetti che l’Associazione ha realizzato e ha portato avanti in questi 17 anni.
Ora, con lo scopo di creare un’archivio multimediale sulla domiciliarità, indice un

Bando per raccogliere VIDEO che documentino esperienze di BUONE PRASSI di sostegno alla DOMICILIARITÀ

Le esperienze proposte attraverso i video devono essere attente a:
√ la cultura della domiciliarità
√ il sostegno alla domiciliarità,
√ la politica della domiciliarità

In particolare deve essere esplicita l’attenzione ad almeno due delle suddette aree:
√ integrazione tra settori del socio-sanitario e tra risorse del territorio
√ integrazione tra le diverse figure professionali
√ interventi per varie fasce d’età e problemi
√ esperienze di prevenzione
√ economicità dell’intervento
√ buone politiche di sostegno alla domiciliarità

Ogni video dovrà essere accompagnato dalla breve scheda tecnica di presentazione di contenuti e bio–bibliografia dell’autore. Ogni proiezione verrà accompagnata dalla presentazione di tale scheda.
Ogni soggetto concorrente al Bando può proporre anche più di un video, ma non più di tre.

Sono previsti 3 premi in denaro del valore, rispettivamente, di 2000 – 1000 e 500 euro.
La data di scadenza per la presentazione dei video è stata prorogata al 31/3/2012
Tutte i dettagli del bando si trovano nel Regolamento BANDO VIDEO

 

 

 

Tags: , , , , ,

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Torino su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Laura Sacco

Laura Sacco Laura Sacco 45 anni e non sentirli, spazia dal web al punto e croce passando per la cucina. Come dice la sua secondogenita 7enne, ha l'hobby del lavoro e si occupa di organizzazioni nonprofit all'interno dell'Osservatorio sull'economia civile della Camera di commercio di Torino, dove è la referente per la comunicazione&co.
Sito: http://friendfeed.com/lasacco


Lascia un commento